La norma EN10253-4 ed i raccordi di tipo A e di tipo B


Abbiamo affrontato in uno dei post precedenti ci├▓ che la nuova direttiva PED 2014/68/EU definisce nel campo dei recipienti in pressione. Essa ├Ę il punto di partenza per l’armonizzazione a livello europeo delle normative inerenti appunto i componenti che possono essere applicati ai recipienti in pressione. Questo riguarda tutte quelle attrezzature in cui la pressione interna supera il valore di 0,5 bar.
Fanno parte di questa categoria anche i raccordi realizzati in acciaio inossidabile che rispondono alla norma EN10253 parte 4, uno standard che va a definire nei dettagli tutto quanto riguarda i raccordi che possono essere collegati tra loro, oppure i tubi e ad altri dispositivi attraverso una saldatura di testa.

Classificazione raccordi di tipo A e di tipo B

All’interno della norma la raccorderia viene classificata in due famiglie┬á in base allo spessore della parete e quindi della resistenza. Queste due classificazioni sono:
* Raccordi di tipo A
* Raccordi di tipo B


I raccordi di tipo A vengono definiti e descritti nel punto 7.2 della norma, nella loro costruzione mantengono lo stesso spessore in ogni punto del corpo sia alle stremit├á di saldatura che nelle zone intermedie. Questo spessore corrisponde a quello del tubo di diametro corrispondente e con lo stesso spessore realizzato nel medesimo materiale. Nel caso di riduzioni lo spessore di riferimento ├Ę quello dell’estremit├á maggiore. La loro resistenza alla pressione ├Ę inferiore a quella del tubo corrispondente.

I raccordi di tipo B sono quelli descritti nel punto 7.3 e sono articoli che hanno uno spessore maggiore sul corpo che alle stremit├á di saldatura, questo va a vantaggio della loro resistenza alla pressione interna, infatti generalmente la loro resistenza┬á ├Ę la stessa del tubo di pari diametro, spessore di parete e materiale che ├Ę saldato alle estremit├á.
Questa ├Ę la vera distinzione tra le due categorie di raccordi e la scelta viene fatta in fase di progettazione per redarre la lista dei materiali necessari.

Per un corretto calcolo la norma fornisce nell’allegato B tutte le informazioni necessarie alla corretta scelta dello spessore pi├╣ adatto per entrambi i tipi di raccordi. Nel caso di articoli di tipo A il fattore di pressione deve essere corretto attraverso i valori che possono essere estrapolati dalle tabelle contenute nell’allegato C. La norma ├Ę completa e fornisce anche per la fase di calcolo e verifica nell’ultimo allegato D gli spessori di ogni tipologia di raccordi di tipo A.

Per completezza ├Ę indicato anche come deve essere effettuata la descrizione per un ordine corretto, questa deve riportare come informazioni minime:
* Quantità
* Descrizione e spessore di parete
* Le dimensioni del raccordo
* Riferimento alla normativa
* Il tipo di raccordo A o B
* Se ├Ę ricavato da tubo con o senza saldatura

Possiamo anche ricavare dalla normativa di riferimento il tipo di processo che viene consigliato in funzione sia della figura che si vuole realizzare che del materiale di partenza che possa essere: tubo senza saldatura, tubo saldato, piastra o bandella, forgiato, da barra.

La scelta del processo, anche richiamando un precedente articolo ├Ę tipica del know-how aziendale e pu├▓ essere una lavorazione sia a caldo che a freddo. I processi che possono essere utilizzati sono:
* La piegatura, ovvero il calzare il tubo su una macchina formatrice fino ad avere la forma desiderata, ed ├Ę tipico delle curve
* La formatura attraverso stampi, la cui variante pu├▓ essere l’idroformatura
* La forgiatura seguita dalla lavorazione su macchine utensili.

Materiali utilizzati per questi raccordi

Figure disponibili filettate
Raccorderia filettata Intertubi

La costruzione di questi raccordi viene fatta partendo da tubi senza saldatura o da piastre in acciaio inox della categoria:
* Austenitici
* Austenitico ferritici, anche chiamati acciai duplex.

Questi materiali fanno riferimento allo standard EN 10088-1 e sono indicati per l’impiego specifico in pressione, i pi├╣ comuni sono gli AISI 304 e 316, anche nella loro versione a basso contenuto di carbonio identificabili dal suffisso L (304L e 316L) e che hanno il vantaggio di una migliore saldabilit├á ma anche di una migliore resistenza alla corrosione intergranulare.
l’acciaio AISI 316, con la sua ottima lavorabilit├á┬á e deformabilit├á a freddo ├Ę utilizzato in particolare nell’industria alimentare, in quella farmaceutica, nella chimica ma anche nel settore della petrolchimica, per la sua buona resistenza alla corrosione a caldo che gli permette di mantenere delle buone caratteristiche durante l’esercizio continuo fino a circa 800 ┬░C, il tutto unito alla resistenza all’azione di ambienti salini ed acidi.
L’acciaio┬á AISI 304 ├Ę invece un materiale amagnetico che viene utilizzato in virt├╣ della sua resistenza molto elevata in situazioni dove la lunga durata ├Ę una specifica di progetto, come nel caso di impianti critici come quelli del settore nucleare.

Catalogo raccordi e servizi commerciali

La fornitura di questi raccordi viene fatta dalla nostra azienda in conformit├á alle normative vigenti, di fatto ogni spedizione ├Ę accompagnata dalla certificazione secondo lo standard EN10204 che permette in ogni fase del progetto di risalire la filiera di produzione dei raccordi. Questa certificazione si articola su pi├╣ livelli, partendo dal livello 2.1 che ├Ę solo di conformit├á del materiale fino ad arrivare al pi├╣ complesso 3.2 che richiede di menzionare i risultati di prove specifiche per l’articolo, certificate da un ente terzo accreditato.
Questa certificazione assieme alle prove specifiche come accennavamo inizialmente permette anche di rendere questi raccordi rispondenti alla normativa PED.
Ma non ├Ę solo questo, il nostro personale possiede una pluriennale esperienza ed ├Ę in grado di metterla al vostro servizio per la soluzione di qualsiasi problematica commerciale e tecnica che possa nascere, e per garantire la maggiore utilit├á che tutti. Infatti sono sempre a disposizione anche grazie al nostro supporto di customer care interna perch├ę il cliente possa essere sempre soddisfatto.