I documenti fondamentali della normativa EN 10204

La normativa EN 10204 è la norma fondamentale che regola i documenti che devono essere forniti dal produttore all’acquirente per quanto riguarda i materiali metallici. All’interno, è possibile trovare diversi tipi di documenti che si distinguono sulla base dei controlli effettuati e sulla presenza di ispettori qualificati sia per l’una che per l’altra parte. In particolare, si trovano:

- EN 10204 2.1
Dichiarazione di conformità: è un documento che viene rilasciato molto raramente in quanto costituisce solamente una dichiarazione di conformità da parte del produttore. Inoltre, non sono presenti risultati di prove all’interno.

- EN 10204 2.2
Attestato di controllo: è un documento in cui il produttore attesta che la fornitura rispetta le specifiche delineate al momento dell’ordine e fornisce i risultati di prova che sono stati ottenuti con controlli non specifici. Le prove possono essere svolte su manufatti che non costituiscono necessariamente il prodotto fornito al cliente e possono essere svolte direttamente dal produttore senza l’ausilio di laboratori esterni.

- EN 10204 3.1
Certificato di collaudo: è un documento rilasciato sulla base dei test e delle prove effettuate. Tali prove vengono delineate sulla base delle specifiche stabilite al momento dell’ordine, dei regolamenti ufficiali e delle regole tecniche che riguardano lo specifico prodotto e vengono svolte, generalmente, dal rappresentante delle ispezioni che è indipendente dal reparto di produzione. Le prove vengono svolte sull’unità di collaudo che è una parte della fornitura: ad esempio, per gli acciai inossidabili laminati l’unità di collaudo è costituita sia dalla colata che dal processo di laminazione successivo. All’interno di questo documento, inoltre, possono trovarsi delle prove svolte dal produttore sui materiali che esso utilizza, ovvero sulla filiera a monte, provando in questo modo che è svolta una corretta tracciabilità sul materiale in ingresso.

- EN 10204 3.2
Verbale di collaudo: è un documento che viene rilasciato sia dal rappresentante delle ispezioni del produttore sia dal rappresentante dell’acquirente o da un ispettore designato. Tale verbale attesta che il prodotto è stato realizzato e presenta le caratteristiche richieste al momento dell’ordine e contiene i risultati dei test che sono stati condotti. Anche in questo caso possono essere presenti test svolti sul materiale in ingresso e necessari per la realizzazione del prodotto finito, in modo da garantire la tracciabilità e il rispetto delle caratteristiche richieste.

Sulla base delle descrizioni fornite è possibile rendersi conto il 2.1 presenta una validità molto limitata e per questo è poco utilizzato. Il 2.2 è un miglioramento rispetto al precedente ma presenta comunque delle limitazioni circa le modalità di validazione. Per quanto riguarda gli ultimi due, è possibile notare che sono i più dettagliati e si basano su controlli molto più specifici che possono essere svolti, per quanto riguarda il 3.2, in presenza dei rappresentanti sia del produttore che dell’acquirente, garantendo in questo modo un livello di conformità maggiore.